Passa ai contenuti principali
Elettrosmog e Regioni «Rivolta prevedibile»

ROMA - In nome del «principio di precauzione» la legge quadro sull’inquinamento elettromagnetico, approvata sul finire della scorsa legislatura, doveva imporre limiti più severi per le antenne e gli elettrodotti. Invece sta scatenando liti e polemiche. Lo scontro fra il ministro delle Comunicazioni Gasparri e il presidente della Regione Lombardia Formigoni è appena un anticipo, prevedono gli esperti del settore. «La legge è rimasta priva dei decreti attuativi - lamenta l’onorevole Valerio Calzolaio, ds, padre della normativa -. Se prenderanno forma come preannunciato dal ministro dell’Ambiente Matteoli, allora potremo dire che è stata affossata». I valori proposti da Matteoli sono di 10 microtesla per gli elettrodotti e di 6 volt per metro per le antenne. Coerentemente con le indicazioni della ricerca scientifica internazionale, ricorda Calzolaio, dovrebbero essere, inferiori a 1 microtesla e a 3 volt per metro, rispettivamente. «Come se non bastasse - osserva Calzolaio -, l’unico decreto che ora tira fuori Gasparri, sottrae agli enti locali il diritto di stabilire se la localizzazione di un’antenna è legittima».
L’ingegnere Giuseppe Mangialavori, responsabile dei controlli su inquinamento elettromagnetico e acustico dell’Apat (Agenzia per la protezione dell’ambiente e del territorio), chiarisce i termini del conflitto tra Stato e Regioni. «I gestori della telefonia si accingono a impiantare 40.000 nuovi ripetitori che affiancheranno i 15- 20.000 già esistenti. Il decreto Gasparri stabilisce che, essendo impianti di pubblica utilità, potranno essere installati in deroga alle leggi sull’urbanizzazione la cui competenza è degli enti locali. Il malumore delle Regioni era prevedibile».
Fra i due litiganti, intanto, spunta un paciere: La Russa ha invitato Gasparri e Formigoni a cena «per appianare le divergenze».
Franco Foresta Martin

Fonte: Corriere della Sera, Politica

Commenti

Post popolari in questo blog

A Congresso della famiglia di Verona tolto il patrocinio della Presidenza del Consiglio

Al congresso mondiale delle famiglie di Verona, riunione alla quale parteciperanno molti movimenti di destra ed estrema destra, a cui ha dato il patrocinio il ministro della famiglia Fontana e al quale ha già detto che parteciperà il ministro Salvini, è stato tolto il patrocinio della Presidenza del Consiglio. La decisione, si legge, è stata presa dal premier Giuseppe Conte:  «Il patrocinio» sul World Congress of Families «è stato concesso dal Ministro Lorenzo Fontana, di sua iniziativa, nell’ambito delle sue proprie prerogative, senza il mio personale coinvolgimento né quello collegiale del Governo All’esito di un’approfondita istruttoria e dopo un’attenta valutazione dei molteplici profili coinvolti, ho comunicato al Ministro Fontana la opportunità che il riferimento alla Presidenza del Consiglio sia eliminato e gli ho rappresentato le ragioni di questa scelta». Lo afferma il premier Giuseppe Conte su Facebook. «Questo governo - ha aggiunto Conte - si propone di tutelare con

Want to Change the World? Be Resilient

By John McKinley, Harvard Business Review What’s the difference between someone with a good idea and a person who can transform their ideas into real impact? To tackle the world’s biggest problems, we need to be able to identify and support the people who are capable of creating lasting change. At Acumen Fund , we spend a lot of time trying to find and train aspiring and established leaders from around the world who have the right mix of talent, ideas, and passion. And what we’ve found time and again is: Resilience matters most.   Resilient leaders have three key characteristics: Grit : Short-term focus on tasks at hand, a willingness to slog through broken systems with limited resources, and pragmatic problem-solving skills. Courage : Action in the face of fear and embracing the unknown. Commitment : Long-term optimism and focus on big-picture goals. I see these qualities in the Global Fellows who are selected to work with Acumen’s investee compa

Disagio e disuguaglianze, le nostre periferie rimosse

Ernesto Galli della Loggia | 28 luglio 2020| Corriere della Sera Un conflitto sociale sui generis, lungi dall’esprimersi alla vecchia maniera negli scioperi, nei cortei o nei grandi comizi politici, si manifesta nell’occupazione selvaggia degli spazi pubblici, nel raid violento, nel vandalismo ai danni delle scuole, della segnaletica stradale o dei mezzi di trasporto Tutti presi come sempre dagli ultimi sondaggi e dall’immancabile polemica di giornata, tutti presi dalla fregola di twittare una dichiarazione alle agenzie ogni venti minuti o di presenziare in tv a tre talk show in una serata, i politici di questo Paese si dimenticano regolarmente di quello che avevano sostenuto con la massima convinzione solo qualche mese prima. E così non meraviglia che tra i vari scopi a cui destinare la pioggia di soldi che dovrebbe arrivarci da Bruxelles,il risanamento delle periferie è virtualmente scomparso. Quella che Renzo Piano aveva invocato come l’urgente necessità di «rammendare» il Paese


Homepage



Creative Commons Attribution 4.0 International license used for original contents.