Passa ai contenuti principali

Una battaglia senza sosta per farsi riconoscere

(fonte: Corriere della Sera del 22.12.03, Editoriale di Francesco Alberoni)

Esisti perché gli altri ti vedono, vali perché gli altri ti lodano. È stato Hegel a capire quanto per l’uomo sia importante il riconoscimento. È per essere riconosciuto che l’uomo lotta, combatte, cerca e conquista il potere. Guardatevi attorno: in ogni città vedrete imponenti palazzi. Sono stati eretti perché tutti li vedano, li ammirino e riconoscano la ricchezza e la potenza di coloro che li hanno costruiti o li abitano. Andate in qualsiasi porticciolo d’estate e vedrete folle a bocca aperta davanti ai lussuosi yacht dei personaggi più ricchi e celebrati. Quali cose desidera lo scienziato? Fare una scoperta che lo renda famoso e ammirato in tutta la comunità scientifica. Vedere il suo nome citato, esaltato, passare alla storia. E lo stesso vuole il pittore, lo scultore, lo scrittore, il musicista, il regista. Miguel de Unamuno vedeva, in questo desiderio, il segno inconfondibile che l’uomo aspira alla immortalità. Certo aspira all’applauso e al trionfo non soltanto oggi, ma anche domani. Achille fu posto di fronte all’alternativa: voleva una vita lunga e oscura o una vita breve, ma eroica, destinata a essere ricordata per sempre? E scelse la seconda.

Il segno inconfondibile di una dittatura è la presenza del ritratto del dittatore dovunque. Nelle piazze, nelle scuole, negli edifici pubblici, in tutte le case. Nelle democrazie i politici non possono aspirare a tanto, ma si sforzano di essere visibili il più possibile. I più potenti hanno uno staff che preme sulla televisione in modo che la loro faccia sia sempre presente e i loro discorsi sempre trasmessi. Altri, per farsi notare, fanno qualche dichiarazione clamorosa, che faccia parlare di loro. L’incubo che li accomuna è di non essere ripresi, di non esser citati, di sparire. Sparire dal video e dai giornali è morire. Anche la gente comune vuol esistere sui media.

Per andare da Amadeus o a Passaparola c’è una fila infinita. E altrettanto per ostentare la propria vita sessuale ne Il grande fratello . Non c’è cosa che la gente non sia disposta a fare per apparire. Il freno, il ritegno, il pudore devono sempre esercitarlo l’emittente. E che cosa succede quando qualcuno ha raggiunto il successo, la notorietà, la fama? C’è un momento in cui, appagato, si ritira? No. Tutti temono di scomparire. Il presentatore, appena terminata una trasmissione, ne aspetta una nuova, l’attore una nuova fiction, il regista sogna un nuovo film, il romanziere pensa a un nuovo libro di successo, il direttore d’orchestra a un nuovo concerto. Chi entra nel gioco del riconoscimento e del potere ne resta schiavo.

Ma allora tutti, qualsiasi cosa facciamo, siamo dannati? C’è qualche situazione in cui veniamo liberati da questa condanna? Sì. Per esempio, è quando ci innamoriamo e siamo riamati. Allora il nostro amato vale più di tutti gli abitanti della Terra e non ci importa più nulla di loro, di ciò che pensano. Ci basta la sua presenza, il suo amore. Oppure quando abbiamo un bambino piccolo lungamente desiderato e viviamo con lui, giochiamo con lui, ed egli è l’ultimo pensiero quando ci addormentiamo e il primo al risveglio. Infine, infinitamente più raro, c’è il mistico che si appaga in Dio. Solo l’amore totale ci fa uscire dalla prigione del riconoscimento.

Commenti

Post popolari in questo blog

A Congresso della famiglia di Verona tolto il patrocinio della Presidenza del Consiglio

Al congresso mondiale delle famiglie di Verona, riunione alla quale parteciperanno molti movimenti di destra ed estrema destra, a cui ha dato il patrocinio il ministro della famiglia Fontana e al quale ha già detto che parteciperà il ministro Salvini, è stato tolto il patrocinio della Presidenza del Consiglio.

La decisione, si legge, è stata presa dal premier Giuseppe Conte: «Il patrocinio» sul World Congress of Families «è stato concesso dal Ministro Lorenzo Fontana, di sua iniziativa, nell’ambito delle sue proprie prerogative, senza il mio personale coinvolgimento né quello collegiale del Governo All’esito di un’approfondita istruttoria e dopo un’attenta valutazione dei molteplici profili coinvolti, ho comunicato al Ministro Fontana la opportunità che il riferimento alla Presidenza del Consiglio sia eliminato e gli ho rappresentato le ragioni di questa scelta». Lo afferma il premier Giuseppe Conte su Facebook. «Questo governo - ha aggiunto Conte - si propone di tutelare con la mass…

Want to Change the World? Be Resilient

By John McKinley, Harvard Business Review
What’s the difference between someone with a good idea and a person who can transform their ideas into real impact? To tackle the world’s biggest problems, we need to be able to identify and support the people who are capable of creating lasting change. At Acumen Fund, we spend a lot of time trying to find and train aspiring and established leaders from around the world who have the right mix of talent, ideas, and passion.
And what we’ve found time and again is: Resilience matters most. Resilient leaders have three key characteristics: Grit: Short-term focus on tasks at hand, a willingness to slog through broken systems with limited resources, and pragmatic problem-solving skills.Courage: Action in the face of fear and embracing the unknown.Commitment: Long-term optimism and focus on big-picture goals.I see these qualities in the Global Fellows who are selected to work with Acumen’s investee companies across Africa and South As…

CasaPound in visita in Siria, perché i neo fascisti amano così tanto Assad

Nazionalismo, propaganda e cospirazionismo: dall’Italia e dall’Europa si fanno sempre più frequenti i viaggi degli attivisti di estrema destra


Il Tricolore chiama, Damasco risponde. Si è conclusa il 26 agosto scorso la visita di una delegazione di CasaPound nelle città siriane di Aleppo, Hama, Tartus e Palmira. Durante il viaggio — ufficialmente si è trattato di una missione di solidarietà a sostegno della popolazione civile — gli attivisti hanno avuto incontri con esponenti governativi locali, come si evince da un comunicato di propaganda emesso dal ministero del Turismo siriano e dalle foto postate in rete. Tra drappi con la tartaruga simbolo della delegazione rossobruna, tricolori, bandiere siriane e tour tra le macerie, il gruppetto ha portato il suo sostegno a uno dei governi più discussi del pianeta. Alla visita — organizzata dalla onlus So.lid. che fa capo al Fronte Europeo di solidarietà per la Siria, una coalizione di gruppi neo fascisti e di estrema destra europei che sosteng…


Homepage



Creative Commons Attribution 4.0 International license used for original contents.